Inseguendo il sogno della longevità

Si leggeva  qualche giorno fa d’una famiglia sarda di fratelli longevi, felici di vivere moderatamente e con poco,privilegiando trattamenti naturali,poi addirittura si è sentito dire d’una località ,questa volta fuori d’Italia  ,in Equador ,Vilcabamba dove la misura della vita si spinge fino a 140 anni. Quindi la ricerca d’un mix di ingredienti che consenta di vivere bene e felici fa notizia e si presuppone che la ricetta magica che consenta il prolungamento degli anni da vivere sia nei futuri programmi,sia che si cerchi la soluzione o nella qualità dell’ambiente o nella farmacologia. Purchè io dico sia una vita da vivere serenamente, senza stress, arrabbiature e conflitti dilanianti. C’è un bel libretto recentemente uscito per Nottetempo edizioni ,scritto da Riccardo Coler e che consiglio, per schiarirsi le idee. S’intitola Eterna giovinezza e potrebbe chiudere in bellezza le vacanze agostane ,sognando una vita più a misura d’uomo,addirittura a contatto con l’empireo .

Inseguendo il sogno della longevitàultima modifica: 2012-08-23T11:23:00+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “Inseguendo il sogno della longevità

  1. Eccomi, ciao Corinina,

    forse resterai sorpresa, ma devo dirti che mi dispiace per gli abitanti di Vilcabamba… Tuttavia ammetto che il mio ragionamento è viziato dallo stress che ho accumulato nel corso della vita, non vivendo a Vilcabamba.
    Nel libro che hai segnalato ci saranno comunque le giuste istruzioni per capire tutti gli errori ormai fatti e quelli che si possono ancora evitare.
    Vedrò di schiarirmi le idee ed abbassare il livello di fastidiosità.

    Buon quasi settembre. robi

  2. Il vivere sufficientemente per poter dire di essere sazio di anni non è da ritenersi speculatorio nei confronti della vita perché c’è stato un tempo nella storia della vita del mondo in cui le persone godevano di un maggior numero di anni ed avevano il privilegio di vedere la loro posterità sino ad almeno quattro- cinque generazioni successive alla loro. La saggezza che si accumula, quando si conserva, è l’emolumento imprescindibile che ti arricchisce al di la di quanto si possa aver conquistato nel corso di così tanti anni avendone avuto il tempo e le possibilità. La correlazione della longevità con l’approfondimento della conoscenza non è da scartare a priori. Siamo però, è vero, abituati a parlare di longevità parlando di eternità e per questo a volte dissentiamo aprioristicamente sul tema. Ma ritengo importante quindi, il vivere a lungo, offerta quanto mai unica, per poter fare esaustivamente ciò per cui spesso l’uomo è interrotto dalla fine dei suoi giorni. Se la morte fa parte della vita, figuriamoci la vita stessa!!

    Tornato da pochissimi giorni da una vacanza attesa, continuo ad assolarmi per illudermi di essere ancora là.

    Ti lascio un saluto e un buon fine agosto!

    Uomo

    .

  3. Ciao Corinina e buon inizio di settimana. Personalmente, più che la longevità, nella mia vita ho cercato la “qualità” della stessa e, senza presunzioni, credevo anche di aver trovato un buon equilibrio tra quest’ultima e gli inevitabili motivi di tensione di cui è disseminata l’esistenza di un individuo. Ho sempre pensato, inoltre, che la personale “qualità della vita” non potesse dipendere solamente da scelte personali, quali il vivere moderatamente, il ricorso ad un tenore di vita sano e naturale e via dicendo ma anche dal contesto in cui si vive, dalla società alla cultura in cui sviluppi la tua personalità e, quindi, se non si fa nulla per migliorarre queste ultime, difficilmente la propria “qualità della vita” potrà raggiugere livelli soddisfacenti. A meno che, non ci si ritira in un’isola deserta o in cima ad una montagna.

    Dico “credevo” di aver trovato un buon equilibrio perché, invece, sempre più mi accorgo che “la qualità della vita” attuale si sta deteriorando per ragioni non direttamente corrispondenti a scelte personali ma dipendenti proprio da quel “contesto” di cui parlavo e che sta cambiando… in peggio. Quindi, a mio parere, mi sembra prioritario fare qualcosa per arginare questo fenomeno se vogliamo salvare la personale “qualità della vita” perché, come ricordi anche tu, meglio “…una vita da vivere serenamente, senza stress, arrabbiature e conflitti dilanianti” che vivere 150 anni da schifo!

  4. Ciao Corinina, svelato mistero, ho trovato diversi tuoi commenti negli spam e adesso approvati. Tu metti un numero nel tuo log in per cui il cervellone lo interpretra come spam.
    La longevità…
    direi con tanti se e perchè?
    Se buoni di testa e efficienti può anche andare, esempio la nonna che a 104 anni faceva l’uncinetto e era indipendente nel mangiare e il resto mi può stare bene ma altrimenti…
    Perchè chiedere tanto se la vita fino alla giusta età è stata buona e piena?
    L’egoismo non credo che sia la panacea a ogni cosa.
    Diventa difficile dare spazio ai giovani che si trovano vecchi senza mai essere stati protagonisti perchè sotto le grinfie dell’egoismo di chi non vuole mollare?
    Buona settimana

  5. Ciao Corinina, svelato mistero, ho trovato diversi tuoi commenti negli spam e adesso approvati. Tu metti un numero nel tuo log in per cui il cervellone lo interpretra come spam.
    La longevità…
    direi con tanti se e perchè?
    Se buoni di testa e efficienti può anche andare, esempio la nonna che a 104 anni faceva l’uncinetto e era indipendente nel mangiare e il resto mi può stare bene ma altrimenti…
    Perchè chiedere tanto se la vita fino alla giusta età è stata buona e piena?
    L’egoismo non credo che sia la panacea a ogni cosa.
    Diventa difficile dare spazio ai giovani che si trovano vecchi senza mai essere stati protagonisti perchè sotto le grinfie dell’egoismo di chi non vuole mollare?
    Buona settimana

  6. Ciao Corinina, svelato mistero, ho trovato diversi tuoi commenti negli spam e adesso approvati. Tu metti un numero nel tuo log in per cui il cervellone lo interpretra come spam.
    La longevità…
    direi con tanti se e perchè?
    Se buoni di testa e efficienti può anche andare, esempio la nonna che a 104 anni faceva l’uncinetto e era indipendente nel mangiare e il resto mi può stare bene ma altrimenti…
    Perchè chiedere tanto se la vita fino alla giusta età è stata buona e piena?
    L’egoismo non credo che sia la panacea a ogni cosa.
    Diventa difficile dare spazio ai giovani che si trovano vecchi senza mai essere stati protagonisti perchè sotto le grinfie dell’egoismo di chi non vuole mollare?
    Buona settimana

  7. Ciao Corinina, svelato mistero, ho trovato diversi tuoi commenti negli spam e adesso approvati. Tu metti un numero nel tuo log in per cui il cervellone lo interpretra come spam.
    La longevità…
    direi con tanti se e perchè?
    Se buoni di testa e efficienti può anche andare, esempio la nonna che a 104 anni faceva l’uncinetto e era indipendente nel mangiare e il resto mi può stare bene ma altrimenti…
    Perchè chiedere tanto se la vita fino alla giusta età è stata buona e piena?
    L’egoismo non credo che sia la panacea a ogni cosa.
    Diventa difficile dare spazio ai giovani che si trovano vecchi senza mai essere stati protagonisti perchè sotto le grinfie dell’egoismo di chi non vuole mollare?
    Buona settimana

  8. Ciao Corinina, leggo, grazie.
    Preciso: mi sono trovato nel blog 52 commenti spam e tra questi 3 tuoi commenti anche su post precedenti l’ultimo. Attivati commenti di bloggers e cancellati definitivamente il restanti. Non ho nessuna convenzione tiscali.
    Speriamo che funzioni sempre tutto e meglio.

  9. L’Empireo è lontano. Il libretto vicino.
    Comprerò il libretto.
    Certo che, di questi tempi, poter vivere senza stress è, probabilmente, un ingannevole miraggio.

    Dall’Emilia terremotata, ma ancora verde e gaudente, in attesa di tornare a Milano, un saluto carissimo.
    banzai43

Lascia un commento