Nuova campagna per i libri

420157_188015234643243_186882604756506_269848_1335916175_n.jpgDal 23 aprile al 23 maggio tutta una campagna promozionale per incrementare la lettura,organizzata dai Beni Culturali,sostituisce la promozione degli anni scorsi legata a S. Giorgio ed alle rose di derivazione spagnola. Ora ognuno può inventare qualsiasi iniziativa come saltare sui bus e leggere un incipit a piacere ,precipitandosi poi nelle piazze e nei cortili  e continuare a proporre e leggere,per crescere . In Italia si cresce così.

Nuova campagna per i libriultima modifica: 2012-04-24T17:49:00+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Nuova campagna per i libri

  1. Non sono stato perso ed in qualche modo mi sono ritrovato.
    …probabilmente in Italia si cresce anche così e non è male che questo avvenga se non fosse che per il circostanziale non saremmo molto incoraggiati a distrarci dal prossimo futuro non certamente roseo eppure è di questo che abbiamo bisogno per concentrare le forze interiori e spinti dallo stimolo della ricerca approfondire i concetti perché vengano espansi e promulgati affinché un sempre maggior numero di individui siano sensibilizzati e le prospettive possano essere auspicabili,dico, quelle che riguardano noi ed il mondo svenduto… in cui viviamo!

    ti lascio gli auguri perché possa trascorre un buon 25…

    Uomo

    .

  2. ciao Corinina,
    sono affascinato e stordito dal commento di “Uomo”. Aggiungere significato è praticamente impossibile. Invento uno slogan alla mia maniera: “se leggi di più, ignori di meno”.
    (non sono molto in forma……..) Buon 1° Maggio. robi

  3. Leggere…
    massima italica:
    metà degli italiani scrive e l’altra metà non legge.
    Forse guarda la TV che non fa durare fatica lì per lì, ma scava strane aspettative che pochi poi riscono a soddisfare così alla fine per questi spettatori vagabondi non rimane che la frustrazuine e ne veleva la pena?
    Leggi e lascia crescere il seme del letto
    Buona domenica di pioggia

  4. Le coscienze degli individui sono cauterizzate dalla massificazione omogeneizzante e si può sperare molto poco sulla critica costruttiva e intelligente. Qualcosa forse sta cambiando in questo momento storico… generato dalle difficoltà in cui versiamo… e personalmente intravedo un pericolo che è quello della critica non verbale e violenta. Circa questo argomento sono sempre stato contrario se non all’utilizzo della discettazione che ritengo uno strumento validissimo per dirimere le controversie … in questo frangente però credo che forse le parole non bastino per estromettere dal nostro governo persone che non devono e non possono rimanere lì dove sono perché non più rappresentative della nazione in cui risiedono. Li abbiamo spodestati della delega che avevano acquisito a suo tempo. Nessuno se non qualche eccezione. So bene di non dire delle cose belle e spero che nessuno legga… ma in questo momento l’inutilità della parola sembra emergere soprattutto per la totale indifferenza con cui i parlamentari ribattono alle continue critiche che giornalmente ricevono.

    p.s. ti ho risposto su ‘oltreleparole’ al commento che hai lasciato lì.

    un salutone e buona domenica!

    Uomo

    .

  5. E passano i giorni e le ore mentre gli eventi ordiscono trame contro le idee che quando radicate e frutto di passione e convincimenti non possono che consolidarsi e indurire la faccia contro ogni opposizione alla ragionevolezza. E questo è completamente avulso dall’appartenenza politica. … E’ la nostra vita!!

    Un saluto corinina e buon fine settimana!

    Uomo

    .

  6. Ciao Corinina, non ho molta fantasia per queste cose, mi limito quando piove o nei periodi invernali a leggere a giornata. Col tempo buono ho un così bell’ambiente da leggere che mi distraggo e lascio le fantasie della lettura per quelle delle nuvole erranti.
    “se sei scarico ricaricati con una bella poesia”

  7. Quello in cui stiamo cadendo, o siamo già caduti, sembra essere un pozzo profondo senza fine… purtroppo… speriamo che quanto prima possiamo toccare veramente il fondo, così da poter ricominciare a salire.

    Un abbraccio e sereno fine settimana!

  8. Bella la comparazione che hai fatto da me…! rende perfettamente l’interdipendenza che esiste e che potrebbe essere… anche se è triste dover fare tali considerazioni. Ritengo difatti che noi dovremmo essere il parametro di noi stessi e dovremmo agire e pensare in modo del tutto autonomo e indipendente dal pensiero e comportamento altrui e forse qualcosa può ancora esserci di buono. Qualcosa può sorgere dal nulla e instaurarsi fra la gente. …Le tue parole hanno una nota di amarezza che condivido ma l’uomo lo conosciamo già… e non ci meraviglieremo di questo per restarne stupiti.

    buon fine settimana corinina

    Uomo

    .

Lascia un commento