La corruzione in Italia

Uno dei gravi problemi che affliggono il nostro paese è la corruzione che non trova riscontro in nessun altro d’Europa ,a tutti i livelli ,di cui ancora è emersa soltanto una piccolissima parte .Sembra che nella classifica, stilata recentemente, l’Italia sia al sessantanovesimo posto mondiale dopo il Ruanda . Non c’è proprio da trovare attenuanti .E pensare che invece ,in un  passato non molto lontano, la nostra nazione  era celebrata per l’onestà e la correttezza di alcuni grandi suoi concittadini. Proprio alcuni giorni fa, in un convegno all’Accademia dei Lincei , a cui ero presente  ,sono stati dedicati due giorni,il 28 ed il 29 novembre, a commemorare l’onestà intellettuale,la profondità degli studi,l’encomiabile attenzione ai deboli e agli emarginati,l’attaccamento alla nazione,soprattutto nei momenti più difficili,del napoletano Giovanni Pugliese Carratelli ,scomparso recentemente . Dedicò tutta la sua esistenza agli studi amatissimi antichi e moderni,occupandosi di filosofia,storia,archeologia ,letteratura  . Fu membro di numerose accademie ,fondatore di riviste ,docente emerito delle università di Pisa,Firenze e Roma  e ,nonostante il suo nome fosse così conosciuto in Italia ed all’estero,mai ebbe la presunzione di prevaricare gli altri ,nè tanto meno di perseguire i suoi privati interessi. Solo  un fine gli stette a cuore :che le idee eterne potessero vivere sempre  nella coscienza degli uomini.

Questi sono gli esempi che ci onorano come italiani.

La corruzione in Italiaultima modifica: 2011-12-06T17:58:00+01:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “La corruzione in Italia

  1. Ma, purtroppo, non sono queste le “personalità” eccelse che governano il Paese. Soprattutto per colpa nostra!

    Ciao Corinina e buona giornata. Anche io sono stato incuriosito da quel “rapporto” di Transparency International, di cui avevo sentito parlare alcuni giorni fa. Da brivido la nostra condizione, se pensi a quali Paesi ci precedono (pensando che siano peggio di noi). La cosa interessante è che abbiamo perso 36 posizioni in graudatoria, caso vuole negli ultimi 15 anni, quelli in cui ha prevalentemente governato chi si definiva onesto e rinnovatore! Gente che, come hai detto da me, ci ha fatto piombare in un momento che sa tanto di “dopoguerra”. Una speranza c’è ancora, Corinina. Affondare questo sistema e costruirne un’altro. Non è questo il mondo in cui voglio vivere ma, soprattutto, non è questo il mondo da augurare a chi verrà dopo.

  2. Ciao Corinina. Io, due settimane fa ho brindato alla caduta del Cainano. Non mi sono mai sognato che stesse nascendo “un’epoca” nuova o che fossimo “salvi”. Anche perché i precedenti farabutti, non li abbiamo cacciati noi ma i mercati e lo spread che, al loro posto, ne hanno messi altri, distinti, sobri e misurati ma che vengono dalla stessa “scuola” di economia e finanza.

  3. Caro Carlo ,il Cainano, come lo chiami tu, è vivo e vegeto,pronto ad indossare ancora la toga candida del ritorno e della ripresa. Non vedi come ancora i suoi sgherri lo difendono,anche dopo la sortita che i ristoranti sono pieni ed i i viaggi prenotati ad iosa?
    Corinina

  4. Caro Carlo ,il Cainano, come lo chiami tu, è vivo e vegeto,pronto ad indossare ancora la toga candida del ritorno e della ripresa. Non vedi come ancora i suoi sgherri lo difendono,anche dopo la sortita che i ristoranti sono pieni ed i viaggi prenotati a iosa?
    Corinina

Lascia un commento