Una nave verso Barcellona

un libro ed una rosa.jpgE’ il secondo anno che si festeggia il 23 aprile il nome di S. Giorgio   con una crociera che partendo da Civitaveccia porterà i naviganti-lettori verso una magnifica destinazione :Barcellona, dove nella piazza centrale della cittadina spagnola cavalieri e dame ( per rifarsi all’antico) si scambieranno libri e rose,una simpatica tradizione che serve a incoraggiare la lettura e a promuovere incontri amichevoli tra quanti vogliono festeggiare la pasqua e la primavera in modo originale. Naturalmente sulla nave da crociera ci saranno autori che presenteranno le loro opere e naviganti che vogliono vivere una loro esperienza  relazionale, informandosi e partecipando a dibattiti e richiedendo perchè no libri ed inchieste non ancora scritti.

Se dovesse toccare a ciascuno di voi cosa proporreste? Stiliamo una classifica,please.

Una nave verso Barcellonaultima modifica: 2011-04-11T17:10:32+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “Una nave verso Barcellona

  1. Ciao Corinina e buona serata!

    Si, ricordo il tuo post di un anno fa, quando annunciasti questa iniziativa. Personalmente, vorrei fare una crociera di almeno 6 mesi… non solo per quel relax di cui sento il bisogno ma anche per portare una valigia di libri da leggere e che, invece, ora sono ordinati su un apposito scaffale della libreria che mi attendono!!

    Che libro vorrei fosse scritto? Non saprei… scarterei le inchieste! Per quelle, mi affido a Travaglio e alle edizioni di “Chiarelettere” e, poi, è un momento che vorrei fare il “vuoto” in testa!

    Forse, uno studio chiaro ed obiettivo sulle possibili ed alternative risorse energetiche del futuro, non mi dispiacerebbe. Sto leggendo alcune cose, in giro, sul petrolio e quel famoso “picco di produzione” che qualcuno comincia a sussurrare sia stato raggiunto ed ho avuto l’impressione che “i petrolieri” ci stiano nascondendo qualcosa della realtà che si va prefigurando! Ecco, forse, oggi, vorrei capire di più su questo argomento.

    Anche se, ti ripeto, allo stato attuale vorrei dedicarmi solamente a romanzi avvincenti, intriganti, intrigati… ma alla fine, rilassanti! Non ne posso più!!

  2. Bella crociera,naviganti-lettori,binomio interessante,quasi romantico.
    Tra dame rose e cavalieri proporrei letture dedicate ai racconti del mare.Alle storie che legano gli uomini a quello sconfinato blu che va oltre gli orizzonti.
    Ciao 🙂

  3. Bella crociera,naviganti-lettori,binomio interessante,quasi romantico.
    Tra dame rose e cavalieri proporrei letture dedicate ai racconti del mare.Alle storie che legano gli uomini a quello sconfinato blu che va oltre gli orizzonti.
    Ciao 🙂

  4. Bella crociera,naviganti-lettori,binomio interessante,quasi romantico.
    Tra dame rose e cavalieri proporrei letture dedicate ai racconti del mare.Alle storie che legano gli uomini a quello sconfinato blu che va oltre gli orizzonti.
    Ciao 🙂

  5. Vorrei proporre un manuale di qualche saggio scrittore che indichi agli italiani la lunga strada da percorrere per ritornare ad esprimere un minimo di quei valori che questo lungo, assurdo periodo basato sull’arroganza, sulla disonestà e sulla falsità ci ha quasi azzerato.
    ciao Corinina da roby-cipralex

  6. grazie carissima, ho già 2 cadaveri sulla coscienza, questo è il più importante, e sono veramente sull’orlo di chiuderlo, l’altro è solo un embrione e forse non sparirà mai, ma sono 2 anni che è lì senza parole, come pure il sito, grazie per il sostegno cgdg

  7. Ciao Corinina e buona serata a te.

    Ho letto le tue riflessioni da me e ti dico che io, invece, temo che chi ancora sostiene B, non lo faccia nè per convincimento né per tornaconto! Si capisce che tra la massa, ci sarà anche chi “parteggia” perché ha interessi da difendere. Ma questi, sono tra coloro che appaiono più vicini al B e li hai visti, sicuramente, fuori dal tribunale di Milano che rilasciavano interviste demenziali alle reti televisive presenti ma, soprattutto, vezzeggiavano la folla italiota che acclamava e sbraitava a comando. La “massa”, invece, è la parte peggiore della nostra società… e non voglio ripetere gli aggettivi con cui, da sempre, l’ho definita. Se ci metti, comunque, quel dna fascista di cui ho accennato, troverai molti motivi per giustificare il sostegno al “Capo” unico e indiscusso, nonostante le critiche dilaganti!

Lascia un commento