Un inno alla libertà

Il Mediterraneo non è più il Mare Nostrum dei Romani,ma una porta aperta verso la libertà per i popoli dell’Africa che hanno accolto il grido di liberazione contro tante satrapie ancora esistenti. Era ora in un’epoca di globalizzazione ! Ma quanti pagano con la vita questa volontà d’essere liberi! Mille pericoli sono disseminati dovunque ,mille nemici palesi ed occulti vorrebbero annientarli, ma speriamo che essi resistano e portino ad esecuzione il loro sogno.Prima l’est ed ora il sud. La storia sembra ripetersi,ma è solo apparentemente uguale . Ogni popolo è diverso e pure le circostanze giocano effetti differenti.S’impone la voglia di pace e di tolleranza secondo la dichiarazione dei diritti umani . Ci sarà spazio sufficiente per accogliere quanti hanno intrapreso una lunga battaglia di sopravvivenza ? Si dovrà necessariamente trovare ,mentre la geografia cambia i volti dei paesi di ieri ,ma non potrà mai spegnere il diritto all’uguaglianza e alla solidarietà.E’ questa democrazia e civiltà.

Un inno alla libertàultima modifica: 2011-02-24T13:27:00+01:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

28 pensieri su “Un inno alla libertà

  1. Ciao Corinina e buona serata!

    Una riflessione che “allarga la mente”! Sarebbe da mandare a quei fascisti in camicia verde che da qualche giorno, davanti ad una catastrofe di immani dimensioni, hanno tutt’altre preoccupazioni da esprimere! Gretti rappresentanti di questo o quel paesello!

    Peraltro, siamo noi a dover e poter “governare” questa porta che è il nostro Mediterraneo… e, invece, s’è visto come l’abbiamo fatto, permettendo ad un tiranno di tenerci per il collo con ignobili ricatti, contravvenendo peraltro ad ogni convenzione internazionale.

    Il Mediterraneo che è stato la “culla” della civiltà, vede ora che a rappresentarlo sono meschini interessi di bottega e sentimenti razzisti.

    Non sarà oggi e, probabilmente, non saremo noi a vederla… ma un giorno, sul Mediterraneo una nuova alba si dovrà levare. Come hai ben detto, uguaglianza, democrazia, solidarietà e civiltà non sono princìpi che potranno essere distrutti.

    Limitati si, come si sta facendo. Stravolti anche, come stanno provando. Ma ci sarà sempre un barlume di ragione in tanta barbarie. E quella ragione, un giorno risorgerà. La Storia, l’ha già insegnato!

    Buon fine settimana Corinina! Ciao.

  2. Diritto all’uguaglianza ed alla solidarietà. SI, certamente. Addirittura, a voler ben vedere è un dovere nostro, più che un diritto loro, l’accoglienza.
    Quanto deve essere fatto, comunque, non può essere un atto caritatevole contro l’interesse dei cittadini delle nazioni accoglienti. E non parlo di denaro. E, nonostante mille dubbi, non parlo neppure di pericoli di criminalità o di proselitismo religioso. Dico invece, a solo titolo d’esempio, del pericolo sanitario. E per limitarmi ad esso ricordo quanto la TBC sia in crescita nel nostro Paese ed in tutta europa. E non si tratta della “nostra” tbc ormai vinta, di fatto, da decenni per la quale, comunque, esiste la possibilità di vaccinarsi (ma conosci qualcuno che oggi si vaccina contro la tbc?).
    NO, la tbc di cui parlo è quella che deriva dalla povertà, la malnutrizione, le cattive norme igieniche, l’utilizzo di acqua contaminata etc.
    Questa tbc per noi può divenire talvolta letale ed anche dovessimo vaccinarci, i nostri vaccini ci coprirebbero, grosso modo, al 40%. Ecco uno dei tanti possibili pericoli.
    Cerchiamo soluzioni, insieme all’europa, anche pensando a questo. Altrimenti sono solo parole, e le parole non solo non bastano ma possono celare anche tante e tante false certezze ed assicurazioni.

    A Te, gentile amica, buon fine settimana con tutto il meglio del possibile.

    banzai43

  3. ciao carissima
    la fame di diritti, eguaglianza e libertà sta fortunosamente
    sgretolando anni di vecchi regimi oppressivi
    ma non basta a garantire ai popoli insorti un futuro
    diverso, migliore e democratico se non crolla l’egoismo
    globale

    chi fugge dalla propria terra è sempre disperato e bisognerebbe accoglierlo con gioia
    purtroppo non è così
    quasi sempre si fa buon viso a cattivo gioco
    all’emergenza di sbarchi e poi ….? chi era disperato prima
    rimane disperato anche dopo….

    ma cambierà, eh se cambierà….!!!!!

    un salutone grande e buon fine settimana corinina

  4. La voglia di libertà ha alzato il suo grido e molte sono le nazioni che in questo periodo l’hanno accolta, ora dovremo assieme a tutti i paesi europei trovare una soluzione valida per accogliere e aiutare queste popolazioni, senza per questo dover fare diventare il nostro Paese l’unico posto per tutti i rifugiati.

    Un saluto Corinina e buona domenica!

  5. buondì corinina
    non è più “mare nostrum ” quasi nulla
    d’altra parte troppi paesi dirimpettai non godono
    di diritti e cercano di allontanarsi da obbrobri e miseria
    ci vorrebbe che tutta l’ue fosse solidale con loro e con noi
    ma da quanto ho sentito non mi pare
    ciò mi rammarica assai
    i confini, i territori sono importanti
    ma ancor più gli esseri umani

    un abbraccio e dolce giornata a te
    ^_^
    ora sto meglio
    ma c’è freddo e pioggia che mettono uggia
    tu tutto bene?

    con quel che c’è in giro.. e le notizie orride
    hai ragione, bisogna rimanere lucidi e essere forti

  6. … ero giovane… chiedo venia!!!

    Ciao Corinina e buon inizio di settimana a te. Con l’età, ho acquisito maggior autocontrollo… e poi, “quello”, a parte la disputa politica, mi aveva provocato proprio in un brutto momento.

    Comunque, è chiaro che non ho scusanti!! E’ stata una pazzia!

  7. Sono arrivato al tuo post tramite gli amici di Nadia, dopo aver letto un suo racconto. Nel mio breve persorso da blogger (si dice così?) ho anche avuto modo di conoscere Carlo. Di questi tempi conoscere persone preparate intellettualmente e artisticamente non è facile. Io sono un “nozionista” abbastanza impreparato su tutto e le mie proposte sono semplicemente immagini condite di ironia. Tenterò, a modo mio, leggendovi con piacere e attenzione di aggiungere anche altri condimenti alle mie immagini. Sono contento di averti virtualmente conosciuta. Ciao da cipralex1

  8. ciao
    mi spiace
    se ti senti colpita

    io mi riferisco alla diatriba scaturita tra le femministe e alcune che dicono di aderire al movimento se non ora quando

    mi è sembrata una vera pazzia mettersi a discutere se l’8 marzo è meglio un fiocco rosa o una mimosa

    più volte mi sono espressa che ritengo indispensabile che senza l’unione le donne i problemi li avranno sempre
    e chi ci rimette son proprio quelle che come te
    e altre che conosco ci mettono anima e corpo

    in quanto alla frase non è una profezia
    il fatto è come dice
    per ottenere grandi cose bisogna lasciare da parte le minuzie che esulano dal nocciolo della questione vera

    secondo me il nocciolo è la donna
    non un simbolo da mettersi al petto
    così la penso io naturalmente

    pensarla diversamente è lecito
    :-)))))

    ciao e buona serata a te corinina

  9. Ciao Corinina!! Ti annuncio che siamo ancora, e purtroppo, a giovedì! Per iniziare il week end, è necessario sopravvivere ancora ad un’altra dura giornata! (rido!!!) Forse, il duro lavoro ti ha fatto perdere il senso del tempo che trascorre! Soprattutto, “quanto” ne trascorre (rido!!!)

    Ti auguro una buona serata e ciao!!!!

  10. … ecco, adesso ci siamo, invece!!!

    Ciao Corinina e buon pomeriggio! Ho letto, in giro, che sei impegnata per le prossime manifestazioni dell’8 marzo!! Ottimo!! Leggo polemiche in giro ma sono convinte che verranno superate, per lo scopo comune! Del modi di agire delle donne, mi sono sempre meravigliato positivamente!

    Ti auguro un sereno fine settimana e ti lascio un saluto!

  11. Ciao Corinina e buon inizio di settimana!

    Si, credo proprio che le “maschere” stiano cadendo! Peccato, però, che siamo ancora in pochi ad accorgercene!! Insieme agli “studenti”, siete voi “donne” l’unica speranza!! Confido nella prossima manifestazione!!!

  12. ciao corinina
    ieri anche qui solo timidi eventi, anzi direi frastagliati incontri di scarsa presa però gran mimose….gran feste e cene di donne…grandi uscite in chiccheri e piattini per ritrovarsi…niente di utile alla causa delle donne ….
    non che mi aspettassi niente di diverso ma un pizzico di cambiamento dagli schemi passati si…

    il 12 marzo per me è un giorno particolarmente sensibile
    non so se riuscirò a mettere da parte diciamo ” i miei umori intimi ” per partecipare alle manifestazioni di piazza in difesa della costituzione ci proverò

    un salutone grande e buona serata corinina

  13. ciao dolce fanciulla
    come proseguono i preparativi per il 12?
    qui a rilento
    spero che in piazza ci sia un po’ più di entusiasmo

    per il centenario ho già messo la bandiera
    e ogni tanto la sventolo i miei vicini penseranno che so ammattita
    ma a me le bandiere piacciono e quella italiana l’adoro
    ^_^
    ciao
    un salutissimo di dolce serata

  14. in risposta da me….

    ….Corinina…

    Sto bene in me stesso… è il posto migliore che conosco, a volte il difficile è permanerci…c’è un aneddoto che fa parte però della vita reale delle aquile. Nel corso della loro vita tendono a levigare il loro becco superiore per quella naturale propensione che ha non solo di crescere ed allungarsi, ma di allungarsi in modo ricurvo… che ad un certo punto impedisce alla parte inferiore di aprirsi rendendo ogni tentativo di cibarsi completamente inutile e quando quel momento giunge… è il momento della loro morte e per questo non smettono mai di ….levigare…e questo è un pò come il rinascere dalle ceneri di sè dopo essere stati consumati dalle circostanze a volte sempre contrarie, che è comunque e certamente un segno di vita pulsante di vita, cadendo si ma rialzandosi, a dispetto di tutto.

    ………..Uomo

    .

Lascia un commento