Se si sceglie Torino come meta

Da sabato prossimo Torino diverrà la meta d’un pellegrinaggio cattolico atteso dai più. Saranno circa duemila  i visitatori prenotati a vedere l’effigie di Cristo impressa nel lenzuolo,oltre quelli occasionali. S’è in passato molto discusso sulle circostanze misteriose della comparsa e del trasferimento della Sindone ed io non voglio qui ripetere tutte le ipotesi fatte . M’appare però veramente sintomo d’una epoca ambigua  questa corsa a vedere ed a toccare,quando basterebbe credere. E’ un caso che Torino vanti pure l’altro primato d’essere  la capitale italiana dei culti misterici e diabolici ? Forse è il luogo ideale in cui il Bene viene praticato a contatto con il Male . Con questo non voglio nulla togliere all’atto di riflessione  che viene suggerito da luoghi e reperti  storici documentati,altrimenti che libertà individuale sarebbe? Ma vorrei mettere in guardia da fenomeni di fanatismo che con il sacro non hanno nulla a che fare e che spesso cadono nel ridicolo anzichè consacrare un aspetto della  verità. Per il resto Torino è e rimarrà sempre una città magica ,ricca di storia , di folklore  e di devozione ,ma speriamo sia quella giusta.

Se si sceglie Torino come metaultima modifica: 2010-04-07T16:27:00+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

22 pensieri su “Se si sceglie Torino come meta

  1. ..sarà che io sono per vivere la fede in una dimensione più individualista.. non mi piacciono, come te, i fenomeni di massa, per quanto mi incuriosisca vedere la Sindone.. cmq se proprio dovessi organizzarmi x andare a Torino sarà per il museo egizio, o per la fiera del libro al Lingotto..

  2. Ciao Corinina… be’, penso di poter condividere il tuo auspicio sui “fenomeni di fanatismo”. Già la cronaca di questi giorni ci da la dimensione di come certi “credenti” vadano oltre quella che è una seppur comprensibile difesa delle “istituzioni” della Chiesa… in più, sono convinto che la fede sia qualcosa di personale e che un simbolo, seppur importante, deve essere considerato per quello che è: un simbolo. La sindone, poi, ha dietro tanti di quei misteri che è arduo considerarla per ciò che è venerata.

    Su l’Aquila… be’, apprendo da te la “notizia”!! Chi l’avrebbe promessi gli “8 anni”??? Per quello che ho potuto vedere io, mi sembra una balla grande come le tonnellate di macerie che ancora devono spostare!! Tuttavia, se fosse, gli aquilani potrebbero ritenersi fortunati (se di fortuna si può parlare)!! Tuttavia, ti ripeto, 8 anni mi sembrano solamente una sparata pubblicitaria!! Me lo auguro per gli aquilani!!

    Buon pomeriggio a te!!

  3. … allora, cara Corinina, se lo ha detto Bertolaso, mettiti l’anima in pace!! Era una sparata a favore del suo capo e non degli aquilani. Ascolta, io seguo alcuni blog tra cui Collettivo 99 che è gestito da “tecnici” aquilani. Dipende tutto da come si affronta la ricostruzione. Se intendono spianare tutto, riempire cave e discariche di tonnellate e tonnellate di rifiuti, senza minimamente “riciclare” come si potrebbe e dovrebbe fare, se ricostruiscono una città che con l’Aquila che ricordano gli italiani non ha nulla a che vedere, allora sono sufficienti 5 anni!! Ma il risultato??

    Se, invece, si “recupera” come tanti ingegneri ed architetti hanno suggerito, si ricostruisce il modello cittadino esistente prima del terremoto, arrivano i fondi, arrivano gli operai e tutto viene tenuto sotto stretto controllo per evitare infiltrazioni mafiose… in una decina d’anni, forse ci si riesce.

    Tuttavia, dubito che questa fosse l’idea di Bertolaso. Lo si è visto quando hanno voluto mettere a tacere il “popolo delle carriole”, sotto elezioni, perché scomodo alla campagna elettorale del Berlusconi!! Sono arrivate le ruspe della protezione civile ed hanno spianato tutto.

    Levano da una parte… ed inquinano dall’altra!! Comunque, staremo a vedere!!

  4. Buongiorno Corinina,
    il bene non potrebbe vivere senza il male e probabilmente la stessa Chiesa ha bisogno di un’entità astratta come il diavolo da combattere per trarre a sua volta linfa vitale. Concordo sul fanatismo, l’eccessiva spettacolarizzazione dei fenomeni tende a privare gli stessi della profonda spiritualità che li caratterizza. Almeno credo.

    Un abbraccio

  5. …vidi a torino la sacra Sindone nel lontano 78, mi sembrava ci fosse meno spessore mediatico a quei tempi, fu una bella esperienza….nelle prossime settimane probabilmente passerò un WE a Torino, ma non mi passa neppure dalla mente di inoltrarmi in quel bailamme, non credo possa esserci misticità nel vedere esposta una reliquia magari nel terzo anello a 60 cm di altezza in più della prima fila e con magari cento persone attorno..
    …mi chiedi se sono ottimista? meno di quanto possa trasparire…a presto Cory…

  6. Ciao CORININA, ho letto sul blog di BRUNO il bel commento che gli hai mandato sulle elezioni e mi è piaciuto molto l’osservazione che la Lega forse è più pericolosa del berlusconismo: questo secondo, infatti, si base anche sul potere e l’inflenza mediatica di Berlusconi, ma lui ormai è vecchio e non durerà più a lungo; la Lega invece fa appello all’egoismo che c’è in noi e questo è terribilmente difficile da estirpare o mettere sotto controllo.
    Stimolato dal tuo commento sono passato sul tuo blog è ho letto il tuo post ricco di verità e di coraggio. Ci vuole coraggio, infatti, e intelligenza a mettere in guardia contro i fenomeni di fanatismo e l’ostensione della Sindone può dar luogo ad essi.
    Io sono di Torino e andrò a vedere la Sindone perché mi hanno invitato e per cortesia non ho detto di no. Ma in realtà non mi interessa molto, per non dire niente, perchè la mia fiducia e adesione a Gesù Cristo non dipende per nulla da quel lenzuolo.
    Concordo con quello che dici: ” M’appare però veramente sintomo d’una epoca ambigua questa corsa a vedere ed a toccare,quando basterebbe credere”. Per credere a Gesù Cristo la Sindone non mi aiuta e non mi dice niente.
    Ad ogni modo, ben venga l’ostensione, perché, come tu dici, bisogna salvaguardare la libertà individuale di coloro che desiderano tali manifestazioni.
    Ciao, buona domenica e scusa se l’ho fatta un po’ lunga.

  7. Ciao Corinina… cominciato bene la settimana?? Qua piove… ma per il resto, è come un lunedì!! Ti auguro una settimana serena e un saluto. (ho sentito ai TG che l’affluenza al Duomo di Torino è stata molto elevata nel fine settimana!!)

Lascia un commento