San Suu Kyi ritorna in carcere

Invece d’essere liberata come aspettava da diciannove anni la leader dell’opposizione birmana di 63 anni San Suu Kyi (figlia del generale Aung San fondatore dell’esercito e padre della Birmania moderna) è stata incarcerata con un pretesto banale ,per aver ricevuto la visita d’un mormone americano,forse un folle  che voleva convertirla nella sua residenza circondata dal lago Inya dov’era agli arresti domiciliari da 13 anni.La signora, che dignitosamente ha sopportato la sua condizione di sorvegliata speciale per così tanto tempo,rischia ora di morire nel carcere duro che le verrà riservato,dato che giova togliere di mezzo un personaggio emblema d’una lotta libertaria così accanita .La carcerazione non è infatti la stessa cosa  degli arresti domiciliari. Si è completamente in mano ai propri carnefici e questo succede pure perchè il regime  teme il prossimo 2010,quando ci saranno le elezioni politiche .Non si sa mai lei potrebbe trionfare ,anche se si sospetta che si agirà in modo che le elezioni siano una farsa. Se l’ONU non farà pressioni per sollecitare pieni diritti e condannare l’episodio e se ad esso non si uniranno tante altre voci di protesta da altre parti del mondo, le già precarie condizioni di salute della coraggiosa e sfortunata leader  potrebbero crollare.

San Suu Kyi ritorna in carcereultima modifica: 2009-05-15T14:32:00+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “San Suu Kyi ritorna in carcere

  1. Rassegnarsi alla volontà delle lobby vorrebbe dire consegnare il mondo nelle loro mani. E con questo non possiamo dire che in parte gia non lo sia per cui il parlarne, anche il solo parlarne, a volte riscuote un successo inaspettato. Le ingiustizie conosciute sono e rimangono tali, ce ne sono però di sconosciute o poco note che rimarranno tali anch’esse. Intorno ad ogni problema razziale o sociale in generale ci sono gli estremi che, comunque, fanno male a qualcuno per la grettezza e la piccolezza morale dei propri adepti e sostenitori. Dare eco e risonanza a determinati eventi invece ha il potere di fare acquisizione d’interesse coinvolgendo nuove menti, possibilmente colte e aperte. …Il mondo siamo noi e se noi cambiamo anche il mondo cambierà con noi.

  2. Ho letto giorni fa un libro interessantissimo scritto da Piergiorgio Odifreddi,s’intitola: In principio era Darwin di una chiarezza eccezionale.Faceva capire non solo l’origine dell’evoluzione della specie ,ma quella rivoluzione sociale che è in atto per cui sopravvivono solo gli esseri che si sanno adattare e che sanno cambiare le cose intorno a loro. Un augurio per un buon fine settimana. Corinina

  3. Ciao Corininna. Mi unisco al tuo “appello” condividendo molto il commento lasciato qui sopra da “Gianni”. E’ vero, il mondo cambierà solo se cambieremo noi. E’ un concetto talmente semplice… eppure così difficile da atture!!

    Ti auguro una buona serata e ciao.

Lascia un commento