Torniamo ad Omero !

Poeta classico ed insuperabile Omero rappresenta l’origine della civiltà mediterranea con due mondi nascosti l’uno dentro l’altro ,quello degli dei e quello terreno,nessuno dei due però sereno, come nella nostra attualità. Il ruolo degli eroi è concepito per rendere migliori gli uomini e perfezionare ,attraverso prove difficilissime,l’affermazione di quella sapienza che dovrebbe essere l’essenza della vita.Una sfida quasi irraggiungibile,ma non per questo meno ricercata! Si apprende da un testo ,edito da Hanser,che uscirà a marzo,dello scrittore austriaco Raoul Schrott :”La patria di Omero” che forse egli era uno scriba degli Assiri e che le storie raccolte non furono veramente da lui composte. Sembra una novità destinata a fare scalpore nella cerchia degli studiosi.

Torniamo ad Omero !ultima modifica: 2008-01-04T15:46:54+01:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Torniamo ad Omero !

  1. Come hai passato le feste?
    In attesa di una tua ris., ne approfitto per commentare questo interessante post. Io sono molto scettico sull’esistenza di Omero. Che fosse esistito uno scriba assiro con quel nome non mi stupisce, ma, se così fosse, è molto probabile che non sia stato quell’Omero che noi europei ‘conosciamo’. Già Hédelin e Vico avevano intuito l’inesistenza di Omero. Vico, in part., lo considerava il simbolo di una generazione di aedi. Quanto all’Iliade e all’Odissea, è risaputo che né un Omero né un altro poeta avrebbero mai potuto comporli da soli. Sono poemi che hanno, alle spalle, una lunga genesi orale e più autori. Mi sfuggono le finalità del testo di Schrott, ma se questi sono i presupposti…
    Kart

  2. Rispondo a Kart autore di un’intelligente riflessione sul grande poeta greco. E’ vero,Omero è così grande bersaglio di suggestione che di volta in volta si dice di lui qualunque cosa ,che fosse cieco ,che fosse cantore di corte ,che fosse Nausica in persona sotto mutate spoglie ,secondo qualcuno,che fosse di numerose città,ma sempre greco. Ora sembra divenuto assiro! E’ un gioco che continua ad appassionare senza alcun fondamento. In realtà i suoi poemi sono diversi tra loro e quindi probabilmente frutto di canti collettivi tramandati oralmente. La scrittura fu inventata molto dopo nell’età di Pisistrato,nel VI a. C. Questo significa solo che il mistero non sarà mai svelato,troppo lontano nel tempo,già entrato nel mito.

  3. Sì, se non verrano fuori altri testi, sarà difficile ammettere l’esistenza di Omero quale poeta (probabilmente un semplice compilatore) dei due noti poemi. Permettimi, però, di fare una precisazione. Oggi sembra certo che l’edizione pisistratea dei poemi omerici (del VI sec. a.C.) sia stata un’edizione ‘nazionale’, ma non la prima. Le prime edizioni dei poemi dovrebbero risalire all’VIII sec. a.C.. Infatti, due secoli circa prima di Pisistrato già esisteva il sistema alfabetico greco, come noto, di origine fenicia.
    Ciao, carissima! Kart

  4. Mi rivolgo a te,Kart,che sei il più interessato all’argomento . Vai a leggere sul Corriere della Sera di ieri,9 gennaio ,in terza pagina, l’interessante articolo, a firma di Giovanni Mariotti ,dal titolo :L’aedo Omero sui Lidi Albanesi -Un’ipotesi sulla vera patria del poeta. Come vedi l’argomento è di grande attualità. Redeamus ad pristinum ,torniamo all’antico ,avrebbe detto qualcuno,forse è meglio del presente. Ciao. Cory

  5. Mariotti ha posto la nascita di Omero a Butroto, in Albania, e non lo reputa uno scriba in terra assira. Considerando che l’Albania “confinava con le colonie tracie e dardane a nord e con le colonie macedoni e greche a sud-est” (Wikipedia), la tesi dell’italiano appare un po’ più fattibile. Ciò non toglie che tutte queste tesi abbiano pochi fondamenti. Dunque, a simili ipotesi preferisco rispondere come Canfora: “Inventare Omero è un gioco innocente”. D’altronde, mi sono accorto che, inconsapevolmente, sia io che Canfora (ma credo che l’abbiano fatto tanti altri) abbiamo citato Vico per ribadire l’inesistenza di Omero come persona…
    Ciao, carissima! Kart

    P.S. Se ti va, vai a leggere un mio altro intervento, che ti riguarda, sul mio blog.

Lascia un commento