Amici per sempre

Ci giunge notizia del recupero d’un inedito leopardiano effettuato dalla Biblioteca Nazionale di Napoli,molto attenta a conservare nei minimi particolari le tracce degli ultimi anni di vita del poeta che scelse di soggiornare proprio in questa città . Non si tratta d’un frammento delle grandi sue opere,ma  d’un biglietto scritto al suo caro amico Antonio Ranieri che lo volle ospitare nella sua casa.E’ datato :Firenze 11 dicembre 1832,ancora prima dunque che i due amici si trasferissero a Napoli .Rivela  il profondo bisogno d’affetto del poeta recanatese e la richiesta accorata d’assistenza e d’aiuto. Si conclude con queste drammatiche ,ma intense parole:

“Io non voglio che tu ti sacrifichi per me,anzi desidero ardentemente che tu provvegga prima d’ogni cosa al tuo benessere;ma qualunque partito tu pigli,tu disporrai le cose in modo che noi viviamo l’uno per l’altro,o almeno io per te,sola ed ultima mia speranza.Addio ,anima mia. Ti stringo al mio cuore,che in ogni evento possibile e non possibile,sarà eternamente tuo”.

Mai avremmo immaginato un così alto potenziale di dedizione e di attaccamento umano,nel nostro grande poeta ottocentesco,solitario per tutto il corsodella sua vita.

Amici per sempreultima modifica: 2007-07-14T16:01:10+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Amici per sempre

  1. Più che un biglietto amichevole mi sembra un biglietto d’amore. D’altronde è stata sempre sospetta la natura dell’amicizia tra Leopardi e Ranieri. In ogni caso, quello che importa è la valenza dei sentimenti, la vita intima fu un fatto loro e privato.
    Buon fine settimana! Ciao! K.

I commenti sono chiusi.