l.Canfora a proposito di testi classici

Una nota di L. Canfora sul Corriere della sera di oggi,22 giugno,trasforma un commento a Seneca ,dato per il compito di latino degli esami di maturità classica, in una notevole pagina culturale.Il noto filologo infatti ,partendo da una breve sentenza senecana: ” Io ho quello che ho donato”,compendia nel breve giro di alcuni periodi non solo l’elogio della libertà dello stoico,ma tutto un excursus interessante che va da A. Magno a Cicerone ,a M.Antonio,ad Ammiano Marcellino fino al vate D’Annunzio.Quando si dice della brevitas essenziale e nello stesso tempo della competenza critica di alcuni studiosi particolarmente impegnati nell’analisi dei testi classici ! L’Italia è pure questo.

l.Canfora a proposito di testi classiciultima modifica: 2007-06-22T16:23:34+02:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “l.Canfora a proposito di testi classici

  1. Di Canfora ho letto: “Cesare” e “La democrazia” (oltre ad altri testi d’uso universitario). Sì, in effetti è bravo! Peccato solo che “La democrazia” sia un po’ pesante in alcuni punti. Ciao!
    K.
    P.S.: se puoi spedirmi, tramite “scrivimi”, questo articolo, sarei lieto. Grazie!

  2. Beh, la tua soluzione non è proprio centrata. In particolare, dovresti spiegare ogni singola frase.
    Riprova perché mi sembri quasi sulla buona strada…
    A presto! K.

  3. Gli occhi sono lo specchio dell’anima,
    e chissà cosa diranno quando si abbandona un
    animale.
    Un mio ultimo post per non dimenticare
    la piaga dell’abbandono.

    Un affettuoso saluto da Giuseppe.

I commenti sono chiusi.