Mille voci per Alda

In un’antologia pubblicata da Edizioni Ursini di Catanzaro ,in onore della poetessa milanese scomparsa, Alda Merini,c’è anche la mia voce con questa lirica dal titolo: Su,per l’Universo:

“Non so cosa dirti

se non il mio silenzio  protratto

senza scansione di sillabe.

All’aere è affidato il messaggio

nel tuo mondo lontano.

Forse ti sfugge lo spartito

di note alte,così alte,incomprensibili

forse,che ti ho dedicato:

musica fuori registro

per spazi alati

rutilanti dove sei nei meandri

catanzaro_preio_merini_250x358.jpgdell’universo

dal moto perpetuo.

 

Spero formi un concerto

con il coro degli Angeli.

 

Mille voci per Aldaultima modifica: 2013-04-20T16:32:17+00:00da corinina
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Mille voci per Alda

  1. Condivido il tuo stato d’animo e non mi piace questa sensazione che contraddistingue un momento non facile per diversi motivi. Le cose non vanno come avrebbero dovuto e le ipotesi di prospettive stanno prendendo una piega non semplice e deludente. Voglio vedere cosa succede e stare attento agli eventi. Non possiamo permetterci di essere deterministi perché così chiuderemmo ogni possibilità alla lungimiranza ed ai sogni ma le ipotesi di un futuro e di un po di tranquillità non vanno eluse non evitate ma coltivate. E torniamo a noi come persone. La sfiducia dilagante nel prossimo genera paradossalmente una maggiore considerazione di sé provvedendo al tentativo di poter fare ciò che desidereremmo veder fare da chi oggi ne avrebbe l’autorità. E torniamo al nostro mondo al giardino con il laghetto del parco della nostra città con lunghe passeggiate condividendo noi con amici e nuove conoscenze assaporando la terra ed i suoi abitanti che costituiscono la ricchezza di ciascuno di noi con noi e con quanta vita possediamo e viviamo!

    un saluto di forza per continuare ad esserci perché non potremmo fare altrimenti…!

    Uomo

    .

  2. Ciao a te Corinina… non è solo la domenica ad essere stanca ma il periodo di smaltimento delle forze di convincimento che reggono la dignità degli uomini e gli donano la prospettiva dei sogni. Nel desiderio di intraprendere la disanima dei temi civili con la capacità e l’onestà di ricercare soluzioni compatibili e sostenibili molte le disattenzioni e le incongruenze e da qui lo scoraggiamento la fa da padrone. Non sono caratterialmente catastrofista né così negativo ma per me è un tempo di riflessione in cui persino discuto meno dei problemi con gli amici perché ho bisogno di pensare perché ho bisogno di essere sicuro che ci sia ancora possibilità e che ci possa ancora nutrire di speranza che le cose si aggiustino e che la gente comprenda. Non mi piace l’atmosfera contingente che alimenta gli interventi delle persone peggiori che approfittano del vuoto per proporsi fomentando reazioni assai discutiibili ed ancor più per questo che abbiamo il dovere morale di esserci per contribuire all’arricchimento delle idee.
    Ritengo che non tutto sia perduto. E’ però necessario interpretare la realtà nella quale stiamo vivendo considerando il passato che ha potuto generare l’attualità.

    un saluto a te

    Uomo

  3. Buon maggio Corinina, ristrutturazioni… io ne sono uscito fuori alla fine dell’estate passata. Nuovi materiali, soluzioni immaginabili e fantasie suggerite e concretizzate dall’architetto un bigiù il soggiorni e sala. Soldi tanti ma spesi bene. I problemi sono per l’esterno per i vincoli paesaggistici troppo, troppo stretti… Per le altre ristrutturazioni ci hai pensato o lasci il fare al tempo?

Lascia un commento